La magia della scrittura. Uno sguardo diverso. Un’esperienza di educazione alla scrittura.

24 febbraio 2014 § 1 Commento

éA dispetto degli “allarme scrittura” ricorrenti, i brevi racconti qui presentati: dimostrano che, dati esempi e spunti, i ragazzi accettano la sfida con impegno ed entusiasmo mettendo in gioco la loro fantasia e la loro creatività. Ogni alunno ha sperimentato le proprie potenzialità creative, scoperto la magia della scrittura e uno sguardo diverso verso se stesso e la realtà. Spesso le storie narrate sono nate dal vissuto dei ragazzi, dalle loro esperienze, poi trasfigurate in senso fantastico. Le inquietudini e le paure nascoste della vita di ogni giorno hanno preso corpo sulla carta, ma governate dai loro autori, sono state esorcizzate, diventando non solo esercizio, ma momento di crescita.

Annunci

Proposte ludico didattiche

19 gennaio 2014 § 1 Commento

éIl calendario 2014 presenta i percorsi formativi, i seminari e workshop del Centro Psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti. Con il kit didattico Pausa Gomitolo Gli adulti scopriranno il metodo maieutico per gestire i litigi dei figli e guideranno i bambini nell’uso degli strumenti contenuti: Litigare fa bene; Imparare a dire No. Litigare con metodo per gestire i litigi dei bambini a scuola (D. Novara, C. Di Chio). Alice nel paese dei diritti (M. Lodi, D. Novara, P. Valentinis). « Leggi il seguito di questo articolo »

UNA CITTÀ

19 gennaio 2014 § 1 Commento

éPer cercare domande prima che risposte. Per raccontare ciò che di buono si fa in giro. Per tenere fede a ideali che si dicono superati. Per fare i conti coi nostri consolidati pregiudizi. Per dar voce a coloro che solitamente tacciono.  Abbonamenti.

L’Annuario italiano dei diritti umani

6 ottobre 2013 § 1 Commento

é“L’Italia e i diritti umani nel 2012: un anno di sofferenza per i diritti economici, sociali e culturali” è il titolo dell’introduzione all’Annuario italiano dei diritti umani. Avvalendosi di dati Istat relativi alla disoccupazione e alla povertà, si vuole attirare l’attenzione sul fatto che lo Stato ha l’obbligo di tutelare i diritti economici, sociali e culturali parimenti a quelli civili e politici. « Leggi il seguito di questo articolo »

Fare musica tutti

8 aprile 2013 § 1 Commento

éL’appello “Musica Scuola Curricolo Territorio” che il Forum per l’educazione musicale consegnerà al Ministro dell’Istruzione che verrà chiede tre cose essenziali: l’inserimento organico nel primo ciclo d’istruzione di un insegnante specializzato in didattica della musica in ogni scuola come promotore e coordinatore delle attività musicali; l’inserimento organico nella Scuola secondaria di II grado di docenti di materie musicali al fine di garantire un’adeguata presenza della musica, della sua cultura e della sua storia nella formazione degli studenti; il sostegno alle attività formative musicali, e in generale artistiche, anche attraverso deduzioni fiscali come già avviene per le attività sportive. Per leggerlo e sottoscriverlo, cliccare su http://www.faremusicatutti.it.

Sono solo canzonette?

12 febbraio 2013 § 1 Commento

 celeste grossi

éLa storia del Secondo Novecento italiano in un cofanetto di lezioni-concerto.  Più volte abbiamo pubblicato su école le lezioni-concerto di Claudio Sottocornola. (È proprio con un suo articolo che abbiamo scelto di inaugurare la sezione “esperienze” sul nostro spazio telematico, attivo da gennaio 2010). Sottocornola, scrittore, giornalista, studioso e interprete del popularsi autodefinisce “filosofo del pop” insegna Filosofia e Storia al Liceo Mascheroni di Bergamo.

« Leggi il seguito di questo articolo »

Equilibrismi

12 febbraio 2013 § 2 commenti

 andrea bagni

éCom’è abbastanza naturale mi interessano sempre le storie che hanno al centro i rapporti padre figlia. A scuola ne ho tutti i giorni una ventina davanti, di figlie. E fuori una che vive per conto suo, indipendente quando sta bene ma presente alla grande con il lato doloroso del suo mondo. Com’è giusto. In classe sento storie di rapporti familiari spesso complicati. Oppure semplici, ma nella forma classica: com’è andata a scuola oggi, tutto bene. Che avete fatto, nulla. Che ti ha detto il prof, le solite cose. Insomma come va, normale. « Leggi il seguito di questo articolo »