Sono solo canzonette?

12 febbraio 2013 § 1 Commento

 celeste grossi

éLa storia del Secondo Novecento italiano in un cofanetto di lezioni-concerto.  Più volte abbiamo pubblicato su école le lezioni-concerto di Claudio Sottocornola. (È proprio con un suo articolo che abbiamo scelto di inaugurare la sezione “esperienze” sul nostro spazio telematico, attivo da gennaio 2010). Sottocornola, scrittore, giornalista, studioso e interprete del popularsi autodefinisce “filosofo del pop” insegna Filosofia e Storia al Liceo Mascheroni di Bergamo.

Dal 2004 conduce una sperimentazione didattica che associa in modo innovativo espressione artistica e approccio storico-critico. Nel 2011 ha scelto di «celebrare l’anniversario dell’unificazione nazionale con “Una notte in Italia”, ciclo di cinque lezioni-concerto presso l’Auditorium della Provincia di Bergamo», utilizzando «il vasto repertorio della canzone popolare italiana come veicolo di unità linguistica e culturale nazionale, in particolare dagli anni ’50», «un tributo originale e innovativo a quanto di meglio può offrire l’identità italiana». Con i suoi studenti ha realizzato, cinque recital «dedicati all’anniversario dell’unificazione italiana, celebrata attraverso la grande canzone pop, rock e d’autore nazionale».

A dicembre 2012 − a conclusione del laboratorio didattico che nell’anno scolastico 2011 – 2012 ha coinvolto alcune classi quarte e quinte del Liceo Mascheroni che hanno lavorato in sinergia con la Terza Università di Bergamo è stato pubblicato Working Class (http://www.claudiosottocornola-claude.com/wordpress/archives/2487/workingclass_cover, 5 DVD box set, editi da CLD-Claude Productions, info@cld-claudeproductions.com). Il cofanetto, che propone cinque percorsi “Teen-agers di ieri e di oggi”, “Decenni”, “Anni ‘60”, “Cantautori”, “Immagine della donna e canzone” −, racconta mezzo secolo di storia e di costume della nostra società in un periodo di trasformazioni radicali. L’originalità della proposta sta nell’uso delle canzoni. La storia del Secondo Novecento si studia attraverso brani “classici” della canzone italiana, con qualche incursione nel mondo anglosassone: da Certe notti a Sapore di sale, da Meravigliosa creatura a Albachiara, da Acqua e sale a Geordie, per fare solo qualche esempio.

Sotto la guida dell’insegnante-regista-musicista-cantante, ragazze e ragazzi hanno svolto molteplici ruoli: recensori, giornalisti, storici, performer. Sul palco allievi-scenografi-attori e insegnante-regista-musicista hanno intercalato canzoni, musiche strumentali, letture di brani storici e di poesie, coreografie di danza classica, moderna e hip-hop.

I cinque dvd di Working Class sono stati registrati in presa diretta con il contributo del pubblico presente alle lezioni-concerto. Il cofanetto ora le rende disponibili per una visione in home video assai utile a scuola come strumento di ricostruzione della storia sociale e del costume, un modo per insegnare e apprendere la storia in maniera coinvolgente.

Info: www.claudiosottocornola-claude.com

Annunci

§ Una risposta a Sono solo canzonette?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo Sono solo canzonette? su humus.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: